Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale

Azione Province Giovani

UPI

Provincia di Reggio Calabria
Provincia di Reggio Calabria

SPOT 6D

Partecipanti

Il progetto prende in considerazione il territorio della Provincia di Reggio Calabria e ha avuto origine indagando i risultati di ricerche che hanno evidenziato l’importanza di realizzare esperienze aggregative e pratiche partecipative per un futuro inclusivo dei giovani. Da esperienze dirette dei partner/associati e dai risultati di recenti indagini è emerso che, soprattutto i ragazzi residenti in zone rurali o piccoli centri, soffrono la forte carenza di fonti di informazioni e la scarsa possibilità di partecipazione attiva a causa dell’assente o carente competenza informatica e del mancato o cattivo funzionamento della rete internet e della linea adsl in molte zone, oltre all’assenza di centri di aggregazione e/o all’organizzazione di iniziative che vedono il loro diretto coinvolgimento. L’emergere di nuove modalità di partecipazione giovanile come l’associazionismo informale e virtuale attraverso i social network e le nuove tecnologie digitali stanno determinando cambiamenti fondamentali nei modelli di comunicazione e nei rapporti umani. Questi cambiamenti sono particolarmente evidenti tra quei giovani che sono cresciuti in stretto contatto con le nuove tecniche di comunicazione e si sentono quindi a loro agio in un mondo digitale che se non ben utilizzato può condurli invece all'isolamento. Per questi motivi risulta importante utilizzare gli strumenti giusti per comunicare con i giovani e nello stesso tempo sviluppare e/o rafforzare le loro competenze digitali per consentire loro di stare al passo con i tempi e con i loro coetanei. Il progetto coinvolge circa 300 ragazzi tra i 14 e i 19 anni, che frequentano gli Istituti di Istruzione di II° situati nella città di Reggio Calabria e in Provincia, offrendo l'opportunità di venire selezionati per partecipare direttamente alla ideazione, creazione ed attuazione degli spot 6D e di essere coinvolti nella creazione del logo. Inoltre, circa 1.550 giovani sono coinvolti nell'attività di studio e ricerca.
Il progetto si colloca all’interno di una cornice progettuale più vasta di promozione della partecipazione attiva dei giovani portata avanti nel corso degli anni sia dal capofila che da vari partner/associati di progetto. Le attività pregresse hanno visto la realizzazione sia di iniziative locali (come ad es. la creazione della Consulta Giovanile Provinciale da parte della provincia di Reggio Calabria) che di rilievo internazionale grazie alla partecipazione a bandi europei. La Provincia e il Comune di Reggio Calabria, in particolare, hanno gestito progetti finanziati dal Programma di Apprendimento Permanente (Leonardo), dal Programma Gioventù in Azione (sub-azione 1.3 progetti giovani e democrazia), oltre ad organizzare eventi in piazza e giornate info/formative presso scuole ed Università per promuovere la conoscenza e l’approfondimento di tematiche europee al fine di offrire opportunità di apprendimento, responsabilizzazione e partecipazione attraverso lo scambio di informazioni e relazionale.

Targhe Concorso Logo

I beneficiari diretti del progetto sono circa 1.550 giovani residenti nella Provincia di Reggio Calabria coinvolti nella compilazione dei questionari all'interno dell'attività di ricerca e nella creazione del logo, n. 300 giovani coinvolti nella selezione e creazione del logo e n. 150 ragazzi in età 14 /19 frequentanti le scuole secondarie di II° della Provincia di Reggio Calabria oltre che l’Accademia di Belle Arti.
I beneficiari indiretti sono in particolare i giovani residenti nel territorio provinciale e in generale i giovani europei di età compresa tra i 14 e i 30 anni, quindi i cittadini europei a cui la campagna di sensibilizzazione è rivolta attraverso la diffusione degli spot creati dai ragazzi stessi.
I bisogni emersi riguardano la forte carenza o scarsa qualità di fonti di informazioni e la ridotta possibilità di partecipazione attiva a causa anche dell’assente o carente competenza informatica. Tutto ciò contribuisce nel determinare una difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro e nelle performance sociali dei giovani, quindi è importante individuare strumenti appropriati al fine di dare ai giovani adeguati stimoli informativi e comunicativi che permettano loro di sviluppare e/o rafforzare le loro competenze digitali.


Loghi Partner

Il Progetto S.P.O.T. 6D è finanziato nel quadro di Azione ProvincEgiovani, iniziativa promossa dall'UPI e finanziata dal
Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri